Storie

Se il freddo invernale mi porta a volermi imbozzolare sul divano non appena tramonta il sole, le notti d'estate invece mi hanno sempre attratto. Non per la movida nei locali, ma piuttosto perché tutto nel mondo naturale sembra prendere una nuova vita. Come in un'estiva fiaba, dove i giocattoli allo scoccare della mezzanotte iniziano a danzare e a cantare, anche il palcoscenico del nostro giardino si anima di attori inaspettati, non appena si alza il sipario sul cielo stellato.

Insoliti impollinatori

L'impollinazione non è territorio esclusivo di api e farfalle, sono diversi gli animali coinvolti nel trasferimento di polline da una pianta all'altra: gechi, lucertole, uccelli, pipistrelli e altri piccoli mammiferi. Anche alcuni lemuri hanno un ruolo attivo nell'impollinazione di talune grandi piante del Madagascar. La famosa palma del viaggiatore (Ravenala madagascariensis), ad esempio, presenta alcuni adattamenti che suggeriscono che si possa essere evoluta specificatamente per essere impollinata da grandi mammiferi: i suoi fiori sono protetti da strutture simili a foglie (brattee) molto resistenti che solo animali come i lemuri sono in grado di aprire e la quantità di nettare prodotta è sufficiente per soddisfare un animale di grandi dimensioni.

L'importanza dei baffi

Per diversi animali, come ad esempio felini e roditori, i baffi (vibrisse) sono uno strumento tattile fondamentale, utilizzato per acquisire informazioni sull’ambiente e sul cibo anche in assenza di luce. Questa caratteristica si ritrova anche in alcuni mammiferi acquatici, come foche e leoni marini, che grazie ai loro baffi riescono a rilevare la presenza di una preda e le sue dimensioni dalla scia che questa lascia in acqua

Svelato il mistero delle lunghe code

Da sempre gli studiosi si sono interrogati su quale fosse la funzione delle lunghe code presenti nelle ali di alcune falene tropicali. Finalmente, recenti osservazioni sembrano svelare il mistero: servono a ingannare e fuorviare i pipistrelli. La loro forma e il loro particolare movimento durante il volo confonde il sonar dei predatori volanti che, nella maggior parte dei casi, falliscono il loro attacco.

Venzone horror story

Capita spesso che la gente che visita la Casa delle Farfalle di Bordano chieda un consiglio su dove proseguire la giornata nei paraggi e tra le varie opzioni Venzone è sempre un buon suggerimento. La strada che collega i due paesi costeggia il Tagliamento seguendo le pendici del monte San Simeone; quando l’ho percorsa la prima volta l’ho trovata al quanto piacevole e distensiva… fino a che non ho scoperto che quella strada mi stava portando dritta dritta a Piluèr!

Il tambureggiamento del picchio

Il picchio rosso maggiore (Dendrocopos major) utilizza rami e tronchi di albero come strumento acustico. Con il becco colpisce ripetutamente il legno producendo un caratteristico suono che può essere udito dagli altri individui della propria specie anche a notevole distanza. Questo segnale sonoro viene utilizzato con il duplice scopo di attrarre le femmine e tenere lontani gli altri maschi.

La cincindela con protezione 50

Le cicindele sono dei coleotteri predatori che tendono feroci agguati agli ignari insetti che passano nelle loro vicinanze. Molto spesso il territorio di caccia di questi animali è rappresentato da aree soleggiate con suoli sabbiosi che, sotto il sole cocente, possono raggiungere temperature proibitive. Per resistere a queste condizioni, le cicindele hanno sviluppato una colorazione metallica sulla parte ventrale del corpo che probabilmente ha lo scopo di riflettere i caldi raggi infrarossi emessi dalla sabbia ed evitare così un pericoloso surriscaldamento.